Dal primo luglio per ottenere il finanziamento, tramite la garanzia rilasciata dal Medio Credito Centrale, sarà necessario pagare una commissione.

Le commissioni da pagare sono una tantum e rappresentano una percentuale sul garantito: si tratta dell’1% per la media impresa, dello 0,50% per le piccole imprese e dello 0,25% per le micro imprese.

Dal primo luglio si ridurranno anche le percentuali garantite: la garanzia scenderà al 60% per le operazioni di liquidità in favore delle imprese in fascia 1 e 2, cioè quelle più solide, mentre per tutte le altre sarà pari all’80 per cento.

Per le rinegoziazioni la garanzia diretta scende al 70%, la riassicurazione al 90%, fermo restando il limite dell’80% per la garanzia dei confidi, a patto che le operazioni in questione prevedano credito aggiuntivo e aumento durata. Per imprese di media dimensione c’è comunque l’alternativa dei finanziamenti garantiti da Sace, ma l’accesso è più complesso e le commissioni in media più costose.

PrecedenteQualità Artigiana: domande dal 7 luglio al 17 ottobre 2022
SuccessivaIl Movimento Donne Impresa Confartigianato Lecco si rinnova: Silvia Dozio è la nuova presidente