Gennaio 2022

Il Ministero dell’Interno con Circolare n.14463 del 27 dicembre 2021 ha disposto che fino al 31 marzo 2022 gli organi di controllo non dovranno elevare sanzioni nei confronti degli autisti che effettuino registrazioni manuali dei tempi di guida e di risposo normalmente registrati dal tachigrafo, in considerazione dei ritardi riscontrati nei servizi di spedizione e recapito delle carte tachigrafiche, nonché del perdurare dell’emergenza sanitaria.

I conducenti dovranno pertanto esibire la ricevuta dell’istanza di rilascio o rinnovo della carta presentata entro 7 giorni dallo smarrimento, sottrazione, danneggiamento o deterioramento ovvero – in caso di scadenza di validità – prima dei 15 giorni lavorativi antecedenti la data di scadenza, e l’eventuale denuncia in caso di smarrimento o furto della medesima carta.

Si ricorda che le registrazioni manuali sono di norma consentite per un massimo di 7 giorni di calendario, ovvero per un periodo più lungo se indispensabile per riportare il veicolo presso la sede dell’impresa, a condizione che sia dimostrata l’impossibilità di esibire o di utilizzare la carta durante il suddetto periodo.

PrecedenteIl caro-bollette problema per tutte le imprese: riequilibrare subito costi transizione energetica
SuccessivaAdempimenti D. lgs. 32 2/2/2021 entro il 31 gennaio 2022 – Alimentaristi