Pubblicato il Decreto che destina 5 milioni di euro agli incentivi per le attività di formazione professionale nel settore dell’autotrasporto per l’anno 2022.

In particolare, soggetti destinatari sono le imprese di autotrasporto di merci in conto terzi, in forma singola o associata i cui titolari, soci, amministratori, nonché dipendenti o addetti siano inquadrati nel contratto collettivo nazionale, trasporto e logistica.

I progetti formativi dovranno essere mirati ad iniziative di formazione o aggiornamento professionale degli operatori finalizzate ad acquisire competenze adeguate alla gestione dell’impresa, alle nuove tecnologie, all’innalzamento del livello di sicurezza stradale e di sicurezza del lavoro. Sono esclusi i corsi per l’accesso alla professione e l’acquisizione o rinnovo di titoli obbligatori per l’esercizio dell’attività di autotrasportatore o conducente.

Il contributo erogabile varia secondo la tipologia d’impresa secondo il seguente schema:
– 15 mila euro per le microimprese fino a 10 occupati
– 50 mila euro per le piccole imprese fino a 50 occupati
– 100 mila euro per le medie fino 250 occupati
– 150 mila euro per le grandi imprese oltre 250 occupati
– 400 mila euro per i raggruppamenti d’imprese

Le domande dovranno essere presentate a partire dalla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale (19/03/2022) ed entro 60 giorni, in via telematica seguendo le specifiche che saranno pubblicate nei prossimi giorni sul sito della società R.A.M. S.p.a.

Le date di avvio delle attività formative sono dal 19 aprile per concludersi entro il 6 agosto 2022, mentre la rendicontazione dei costi sostenuti dovrà avvenire entro 60 giorni dalla conclusione di ogni progetto.

Le date potranno essere modificate con ulteriore decreto in quanto lo stesso decreto indica in 60 giorni dalla pubblicazione del decreto in G.U. quale tempo per presentare le domande.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito: www.ramspa.it

PrecedenteSoccorsi umanitari per l’Ucraina
SuccessivaBonus pubblicità, comunicazione entro il 31 marzo