Limitatamente all’anno 2022, il Decreto Lgs. n. 176/2022, art. 3, comma 10, ha previsto l’aumento da 600 a 3.000 euro della soglia di esenzione per i fringe benefit per i lavoratori dipendenti (es. buoni spesa, buoni benzina, ect).

In particolare, per l’anno in corso, il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati al lavoratore dipendente, nonché le somme erogate o rimborsate allo stesso dal datore di lavoro per il pagamento delle bollette di acqua, luce e gas, fino a 3.000 euro non concorrono a formare il reddito imponibile ai fini contributivi e ai fini Irpef.

La medesima norma stabilisce, inoltre, che, qualora il valore di detti beni e servizi –ovvero di buoni rappresentativi degli stessi- sia superiore al limite indicato, lo stesso concorre per intero alla formazione della base imponibile sia previdenziale che fiscale.

Devono invece ritenersi sempre imponibili eventuali erogazioni liberali in denaro.

PrecedenteMIG mostra internazionale del gelato 27-30 novembre 2022
SuccessivaConfartigianato Lecco all’Assemblea nazionale con il premier Meloni