Approvato l’emendamento al DL “Ucraina” n.21/2022 che introduce l’obbligo della qualificazione SOA per le imprese che intendono lavorare nelle riqualificazioni connesse ai bonus edilizi e Superbonus. La misura si renderà effettiva dal 2023 e riguarderanno interventi sopra ai 516mila euro.

L’obbligo si pone come ulteriore sbarramento burocratico al mercato delle riqualificazioni, costituendo una barriera di acceso a tutte quelle imprese che, non operando per gli appalti pubblici, garantiscono comunque qualità e serietà al committente anche senza attestazione SOA.

Al fine di rispondere alle esigenze delle Imprese del settore che si troveranno a far fronte a questi adempimenti, si ricorda che Confartigianato Imprese Lecco, attraverso apposita convenzione con la Società Soatech (Società di Organismo Attestazione), fornisce l`assistenza necessaria per l`ottenimento ed il mantenimento dell`attestazione SOA.

E’ possibile fissare un incontro gratuito presso i nostri uffici attraverso il contatto con Elena Riva (tel . 0341.250.200- eriva@artigiani.lecco.it)

PrecedenteAbusivismo: Lecco la provincia più a rischio. Riva: “Tolleranza zero per contrastare la concorrenza sleale alle MPMI”
SuccessivaAppalti e caro materiali da costruzione: compensazioni più rapide con decreto Mims