Il “bonus benzina” rientra nei provvedimenti inseriti dal governo nel Decreto Ucraina e prevede la possibilità per datori di lavoro privati di erogare ai dipendenti buoni benzina fino a 200 euro.

Il Decreto Legge n. 21/2022 (c.d. Decreto Ucraina), all’art. 2, dispone che, per l’anno 2022, l’importo del valore dei buoni benzina o analoghi titoli ceduti a titolo gratuito dalle aziende
private ai lavoratori dipendenti per l’acquisto di carburanti, nel limite di euro 200 per lavoratore, non concorre alla formazione del reddito imponibile ai sensi del comma 3, art. 51 del TUIR.

Pertanto il Decreto in oggetto prevede la facoltà, per i datori di lavoro privati e solo per l’anno 2022, di erogare, ai propri  dipendenti, buoni benzina per l’acquisto di carburante, esenti da imposizione fiscale fino a euro 200 per lavoratore.

A seguito di chiarimenti normativi con l’Agenzia delle Entrate, informiamo che il valore massimo di 200 euro si aggiunge alla somma prevista in via ordinaria, pari a 258,23 euro, per i buoni rappresentativi di beni e servizi esenti ai fini delle imposte sui redditi.

Nel caso in cui foste interessati a consegnare buoni spesa/carburante ai vostri dipendenti restiamo a vostra disposizione per ogni eventuale chiarimento.

Contatti:
Giovanni Righetto
Telefono: 0341-250.200
Email: welfare@artigiani.lecco.it

PrecedenteFiere regionali, nazionali e internazionali: apertura sportello Camera di Como-Lecco – risorse esaurite
SuccessivaNo alla polizza per mancata fruizione dei bonus fiscali, la delibera dell’ANAC