Regione Lombardia ha in questi mesi approvato un pacchetto di misure dedicate all’efficienza energetica e dedicate a interventi di efficientamento energetico con contributi a fondo perso per imprese artigiane, del commercio e dei servizi, del settore ricettivo oltre che per impianti sportivi.

Le modalità di partecipazione e maggiori dettagli sono disponibili nelle pagine dedicate alle singole misure che si riepilogano qui di seguito. Su tutte le misure alla data del 7/9/22 risultano ancora risorse disponibili.

Le imprese interessate a partecipare con la nostra assistenza sono invitate a scrivere a bandi@artigiani.lecco.it 

IMPRESE ARTIGIANE (22,3 milioni di euro) 
Bando Pubblicato – Apertura dal 28 giugno 2022 
Vai alla pagina dedicata

BENEFICIARI: micro e piccole imprese artigiane alla sezione speciale del Registro Imprese delle Camere di Commercio con codice Ateco sezione C (attività manifatturiere). Le imprese devono essere iscritte e attive da oltre 12 mesi.
AGEVOLAZIONE: contributo a fondo perduto fino a 50.000 euro, pari al 50% delle spese ammissibili per l’efficientamento energetico del sito produttivo Investimento minimo 15.000 euro da realizzare entro marzo 2023. 
SPESE AMMISSIBILI: spese funzionali all’efficientamento energetico del sito produttivo sostenute dal 26/4/22 al 31/3/2023.
In sintesi:
a) collettori solari termici e/o impianti di microcogenerazione; impianti fotovoltaici (tali spese sono ammissibili solo in abbinamento a spese relative al successivo punto b) per almeno 15.000 euro)
b) macchinari e attrezzature in sostituzione di vecchi macchinari; caldaie ad alta efficienza; sistemi di domotica per il risparmio energetico; apparecchi LED a basso consumo in sostituzione dell’illuminazione tradizionale;
c) spese tecniche di consulenza correlate alla realizzazione dell’intervento.
VALUTAZIONE: sportello valutativo in ordine cronologico
DOMANDE: apertura dal 28 giugno 2022

IMPRESE DEL COMMERCIO, RISTORAZIONE SERVIZI (9,3 milioni di euro)
BANDO PUBBLICATO – Apertura dal 15 giugno 2022
vai alla pagina dedicata

BENEFICIARI: Micro e piccole imprese dei settori commercio, pubblici esercizi e servizi. I codici ATECO saranno specificati nel bando attuativo di prossima pubblicazione.
AGEVOLAZIONE: contributo fino a 30.000 euro a fondo perduto, fino al 50% delle spese ammissibili per l’efficientamento energetico.
Investimento minimo 4.000
euro
SPESE AMMISSIBILI: spese funzionali all’efficientamento energetico del sito produttivo sostenute dal 26/4/22 al 15/12/2022.
VALUTAZIONE: sportello valutativo a rendicontazione (spese già sostenute) in ordine cronologico
DOMANDE: apertura dal 15 giugno 2022

IMPRESE SETTORE RICETTIVO (975.000 euro) 
Bando Pubblicato – Apertura dal 1° settembre al 31 ottobre 2022
Vai alla pagina dedicata

BENEFICIARI: Micro e piccole imprese del settore  del settore ricettivo con codice ATECO
primario o secondario 55.1, 55.2 e 55.3
AGEVOLAZIONE: contributo fino a 30.000 euro a fondo perduto, fino al 50% delle spese ammissibili per l’efficientamento energetico.
Investimento minimo 4.000
euro
SPESE AMMISSIBILI: spese funzionali all’efficientamento energetico del sito produttivo sostenute dal 23 luglio 2022 al 30 novembre 2023
VALUTAZIONE: sportello valutativo a graduatoria
DOMANDE: dal 1° settembre al 31 ottobre 2022

IMPIANTI NATATORI O DEL GHIACCIO
Vai alla pagina dedicata

La terza misura del “pacchetto energia” è dedicata agli operatori economici che gestiscono impianti natatori e del ghiaccio e rischiano il fallimento o l’interruzione dei servizi.
Regione ha deciso di attivare 32 milioni di euro per la sostenibilità gestionale e l’efficientamento energetico degli impianti sportivi pubblici. Il sostegno consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 80% della spesa ritenuta ammissibile, nel limite massimo di 350.000 euro.

Per informazioni e assistenza:
Ufficio Bandi e Progetti Speciali
0341/250200 –bandi@artigiani.lecco.it

PrecedenteBONUS EDILIZIA – Confartigianato: “Passo avanti per disincagliare i crediti fiscali”
SuccessivaCaro carburanti: il Governo proroga fino al 17 ottobre il taglio delle accise di 30 centesimi